sant'agata catania festa
Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2024

Sant’Agata Catania: come partecipare e cosa vedere a una delle feste religiose più grandi d’Europa

Hai già prenotato 
il tuo alloggio a Catania?

Potrai raggiungere facilmente i principali luoghi d'interesse dagli esclusivi appartamenti Ferrini Home nel cuore di Catania.
Guarda gli appartamenti
Parti per un viaggio nell'anima della tradizione siciliana durante la Festa di Sant'Agata a Catania. Un'occasione unica per immergersi nelle celebrazioni, nelle tradizioni e nei suoni di questa affascinante festività.

La festa di Sant’Agata a Catania è una di quelle esperienze da fare almeno una volta nella vita. La città ospita una delle più importanti e maestose feste religiose dedicate proprio al ricordo e alla venerazione della sua santa patrona

La Festa di Sant’Agata evento affonda le radici nella storia antica, portando con sé una profonda connessione con la tradizione religiosa e culturale della regione.

Ai nostri ospiti, che alloggiano nelle centralissime Ferrini Home consigliamo sempre di vivere a pieno questa festività per assaporare tutto il folklore siciliano. In questa guida troverai non solo la storia di Sant’Agata ma anche tanti consigli su come si svolge la festa e quali sono gli eventi imperdibili. 

Se stai progettando di venire a Catania in occasione della festa di Sant’Agata 2024 e non sai dove alloggiare, scegli uno dei nostri appartamenti Ferrini Home nel centro storico della città. Potrai osservare la festa anche dall’alto dai balconi delle nostre strutture come veri local, per un’esperienza magica✨➡️ PRENOTA ORA

Festa di Sant’Agata a Catania: le date e i luoghi 

La data della festa di Sant’Agata è il 5 febbraio cioè la data della morte della santa, ma già dal 3 febbraio la città si anima e si riempie di devoti che adorano la “Santuzza”. Al suono del motto “Semu tutti devoti tutti! (Siamo tutti devoti!)” inizia una delle feste religiose più spettacolari del mondo. 

Vediamo insieme tutti gli eventi data per data così da non perderti i momenti più significativi della festa di Sant’Agata a Catania

3 febbraio: la processione delle candelore a Catania!

La magia della festa inizia il 3 febbraio, quando le vie del centro si animano con l’offerta della preziosa cera e la maestosa processione delle Candelore. Gli imponenti ceri barocchi, ornati con ricchi dettagli, sfilano con grazia rappresentando le antiche corporazioni cittadine. La loro marcia segue un ordine preciso, muovendosi con un’andatura elegante chiamata “annacata”. Inoltre, viene fatta sfilare la carrozza settecentesca dell’antico Senato catanese.

fuochi sant'agata catania
Photo by Unsplash

Il culmine di questa prima giornata di festa si raggiunge in serata con un grandioso spettacolo pirotecnico in Piazza Duomo. I fuochi artificiali, oltre a esprimere la gioia dei fedeli, assumono un significato speciale, richiamando alla mente che la patrona, martirizzata sulla brace, veglia costantemente sul fuoco dell’Etna e su tutti gli incendi.

🕯️Cosa è una Canderola a Catania? 

La festa di Sant’Agata è una celebrazione intrisa di tradizione, e le protagoniste indiscusse sono le imponenti “candelore”. Questi giganteschi ceri, abilmente rivestiti con decorazioni artigianali, raccontano storie di devozione attraverso puttini in legno dorato, scene di martirio, santi, fiori e bandiere.

canderola catania cosa è
Photo by Wikimedia

In un’epoca senza illuminazione elettrica, le candelore non erano solo ornamenti ma avevano una funzione vitale: illuminare il cammino della processione. Portate a spalla da coraggiosi uomini, il loro numero variava da 4 a 12 a seconda del peso del cero, trasmettendo l’energia e la maestosità dell’evento. Ognuna delle 11 candelore che oggi sfilano ha una propria identità, animata dagli elementi unici che la caratterizzano: dalla forma del cero all’andatura, dall’ondeggiamento al sottofondo musicale scelto.

Le candelore rappresentano le varie categorie di lavoratori, ognuna con il proprio stile distintivo. Dai giardinieri e fiorai in stile gotico-veneziano, ai pescivendoli dal passo “bersagliera”, al candido e elegante passo della candelora dei fruttivendoli, ogni cero è un capolavoro unico. In passato, le candelore erano ancora più numerose, con categorie come calzolai, confettieri e muratori, arrivando a contare fino a 28.

4 febbraio: la suggestiva Messa dell’Aurora all’alba

Il 4 febbraio segna l’apice dell’emozione, poiché la città si unisce alla sua amata patrona, Sant’Agata. Fin dalle prime luci dell’alba, le strade di Catania si riempiono di “cittadini” devoti, vestiti con il tradizionale “sacco” – un camice votivo di tela bianca lungo fino alla caviglia, stretto in vita da un cordoncino, accompagnato da un berretto di velluto nero, guanti bianchi e un fazzoletto bianco a fitte pieghe. Questo abito richiama l’abbigliamento notturno indossato dai catanesi nel lontano 1126, quando corsero incontro alle reliquie riportate da Costantinopoli. Le chiavi necessarie per aprire il cancello che custodisce le reliquie in cattedrale sono tre, ciascuna affidata a una figura diversa, e quando l’ultima chiave apre il cancello, il Busto di Sant’Agata si svela, irradiando un sorriso sereno, tra l’entusiasmo dei fedeli.

chiesa sant'agata catania
Photo by Pixabay

Dopo la suggestiva Messa dell’Aurora all’alba, le reliquie di Sant’Agata vengono traslate su un sontuoso fercolo d’argento, abbellito con garofani rossi, simbolo di martirio. La processione si snoda attraverso i luoghi sacri di Sant’Agata a Catania, tra cui l’antica cattedrale di Sant’Agata la Vetere, la chiesa di Sant’Agata al Carcere e la chiesa di Sant’Agata alla Fornace.

Con fragori di spari festosi, il fercolo viene poi caricato con il prezioso scrigno contenente le reliquie e parte in processione. Il “giro”, la processione del 4 febbraio, si protrae per l’intera giornata, attraversando i luoghi del martirio e narrando la storia della “santuzza”. La folla di “cittadini” guida il fercolo, compiendo soste significative come alla “marina. Il “giro” giunge a termine a notte fonda, quando il fercolo ritorna solennemente in cattedrale, chiudendo questa giornata di intensa devozione e straordinario coinvolgimento.

5 febbraio: la maestosa Processione di Sant’Agata a Catania

La processione del 5 febbraio si estende per tutta la notte, guidata dal fercolo di Sant’Agata, trainato da lunghi cordoni bianchi e adornato con garofani bianchi, simbolo di purità. Lungo il percorso, la Santuzza fa tappa a Piazza Borgo, dove uno spettacolo di fuochi d’artificio incanta il cielo notturno. La processione si ferma nuovamente prima di affrontare la Salita di Via Sangiuliano, tradizionalmente percorsa con corsa gioiosa. Su Via Crociferi, c’è una toccante sosta di fronte al Convento di San Benedetto, dove le suore di clausura emergono solo in questa occasione, intonando canti nel silenzio delle prime ore del mattino. L’emozionante corteo si conclude con il ritorno trionfante in Cattedrale.

Festa di Sant’Agata a Catania: come partecipare e cosa vedere?

Se hai deciso di venire a Catania proprio nel periodo della Festa di Sant’Agata, devi assolutamente partecipare ai vari momenti della festa che ti abbiamo descritto. Tra i più suggestivi c’è sicuramente la Messa dell’Aurora e i fuochi d’artificio nella piazza del duomo di Catania, ma non solo. 

Una delle tappe imprescindibile è la Chiesa di Sant’Agata a Catania. Il Duomo di Sant’Agata, conosciuto anche come Basilica Cattedrale Metropolitana di Sant’Agata, rappresenta il principale luogo di culto cattolico a Catania, fungendo da chiesa madre per l’arcidiocesi metropolitana omonima e sede della parrocchia omonima.

festa sant'agata catania
Photo by Stock Adobe

La cattedrale è dedicata alla vergine martire Sant’Agata, patrona della città di Catania, e si trova nel cuore del centro storico, sul lato sud-est di piazza del Duomo.

😉Visitata la Cattedrale, continua il tour della città grazie alla nostra guida ➡️Attrazioni di Catania : 9 cose da vedere consigliate da chi ci vive

Festa di Sant’Agata a Catania: dove dormire e come arrivare?

Per vivere a pieno lo spirito di questa festa e goderti tutti gli eventi legati alla celebrazione di Sant’Agata, ti consigliamo di dormire nel centro storico di Catania. Tuttavia, se alloggi in zone molto centrali, come la zona del Duomo, Piazza Università o Via Etnea potresti ritriovarti nel bel mezzo del caos della festa e non goderti in tranquillità il tuo soggiorno. Ma non preoccuparti, abbiamo noi la soluzione!

alloggio sant agata catania

Ti consigliamo alcuni dei nostri appartamenti che si trovano a massimo 5 minuti a piedi dai luoghi principali della Festa di Sant’Agata che ti permetteranno di vivere questa festa in piena tranquillità senza rinunciare a nessun evento.

Le 5 strutture firmate Ferrini Home migliori da prenotare per vivere al meglio la Festa di Sant’Agata sono: 

📍Residence Firenze 70: i nuovi appartamenti Ferrini Home dotati di spazi unici, dove design e comfort si fondono per regalarvi un’esperienza indimenticabile. Una nuova e raffinata esperienza nel cuore di Catania (Via Firenze, 70, Catania) 📲Prenota Ora

📍Residence Riso 80 : appartamenti, collocati al primo piano di un palazzo anni’40, caratterizzati da colori tenui, pavimenti in parquet e mobili realizzati artigianalmente. A due passi da Piazza Trento e circa 200 metri da Via Etnea, sono la scelta ideale per vivere a pieno la celebrazione di Sant’Agata. (Via Riso, 80, Catania) 📲Prenota Ora

📍Residence Rindone 6: tre appartamenti, collocati al 1^piano di un palazzo degli anni’40, ideati se cerchi comfort e stile in cima alle tue aspettative di viaggio (Via Rindone, 6, Catania): 📲Prenota Ora

📍Residence Suites: al 2° Piano di un elegante edificio anni ’70, tre unità abitative di sofisticata eleganza dominano la centralissima Piazza Trento. La location ideale per immergerti nel barocco catanese e raggiungere comodamente via Etnea per vivere la festa di Sant’Agata al meglio (Piazza Trento 2, Catania) 📲Prenota Ora

📍Residence 150: appartamenti interamente restaurati ed elegantemente arredati ed accessoriati, ti permettono in soli 10 minuti, di raggiungere il centro storico, piazza Duomo, il mare di Piazza Europa e il piccolo borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti.
(Via Grotte Bianche 150, Catania): 📲Prenota Ora

Il modo più comodo per raggiungere Catania è optare per il volo fino all’aeroporto Fontanarossa, distante soli 5 chilometri dal centro e dai nostri residence Ferrini Home. Un efficiente collegamento con la città è garantito da Alibus, con frequenza ogni 20 minuti, e dal treno, disponibile ogni 40-60 minuti. Durante i giorni della festa, la città si riempie di visitatori e devoti e visitare la città con il proprio mezzo potrebbe essere più complicato. 

Sant’Agata a Catania: la storia e la tradizione

Sant’Agata, una delle martiri più venerate dell’antichità cristiana, fu uccisa durante la persecuzione dei cristiani voluta dall’imperatore Decio a Catania, tra il 249 e il 251 d.C.

La sua biografia, uno dei primi esempi di letteratura agiografica, narra di interrogatori, torture e della sua incrollabile fede cristiana. 

Il martirio di Sant’Agata sottolinea l’esistenza di una comunità cristiana a Catania già nel III secolo. Iscrizioni ritrovate testimoniano la diffusione immediata del suo culto, sia in città che al di fuori del territorio etneo.

La nascita di Agata, ricca e nobile, è tradizionalmente collocata a Catania, anche se alcune fonti indicano Palermo o i suoi dintorni. La sua gioventù e il ruolo attivo nella comunità cristiana, consacrò la sua verginità a Dio. 

Il martirio di Sant’Agata, seppur senza dettagli storici precisi, è confermato dalla diffusione del suo culto e dalla sua riconoscenza come patrona di Catania. La sua morte, avvenuta nel 251, è commemorata come un esempio di forza d’animo, devozione e resistenza contro la persecuzione, segnando un capitolo significativo nella storia della Chiesa.

Nel 1040, il generale bizantino Giorgio Maniace sottrasse le reliquie di Sant’Agata per portarle a Costantinopoli. Nel 1126, due ex soldati bizantini, Gisliberto e Goselmo, decisero di rubare i resti martiri per riconsegnarli al Vescovo di Catania. Il 17 agosto 1126, le reliquie fecero ritorno nel Duomo di Catania. Parte di esse è conservata nel prezioso busto in argento, realizzato nel 1376 da Giovanni di Bartolo, mentre altre sono custodite in reliquiari all’interno di un grande scrigno d’argento, opera di Vincenzo Archifel. Questa straordinaria storia testimonia la devozione e l’ardore nel preservare il ricordo della Santa che ancora oggi si celebra non solo a febbraio ma anche in agosto. 

🥰 Siamo pronti ad accoglierti e a rendere il tuo viaggio in Sicilia indimenticabile: Prenota subito!

Se stai organizzando il tuo viaggio in Sicilia e non sai ancora dove alloggiare a Catania, puoi prenotare adesso uno dei nostri appartamenti o una delle nostre suite a Catania centro. Saremo lieti di trovare la soluzione più adatta a te e alla tua famiglia per farvi vivere un indimenticabile vacanza in Sicilia senza stress.

Per vedere le nostre strutture, visita la nostra pagina dedicata o 
contattaci ai seguenti recapiti: +39 348 1137291 - info@ferrinihome.com

Ti aspettiamo in Sicilia, dove la nostra ospitalità ti farà sentire come a casa!
sant'agata catania festa

Inizia il tuo viaggio a Catania

Puoi raggiungere facilmente i principali luoghi d’interesse di Catania soggiornando in esclusivi appartamenti nel cuore della città.
Scopri gli appartamenti

Stai organizzando il tuo prossimo viaggio a Catania?

Iscriviti alla newsletter Ferrini Home e ricevi subito l'esclusiva mappa di Catania, pensata per accompagnarti tra i vicoli di questa meravigliosa città!

Al suo interno troverai:
Il percorso da seguire per una perfetta “passeggiata culturale”
L’elenco dei principali monumenti da vedere assolutamente
I ristoranti e i locali consigliati per lo street food e l’aperitivo
Le zone limitrofe più belle di Catania, le spiagge e i dintorni
file-emptycross-circle
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram